Terremoti prevedibili? La strada è ancora lunga

Published / by admin / Leave a Comment

Poter prevedere i terremoti è una sorta di sogno che accompagna il genere umano da molto tempo. Questi imprevedibili fenomeni infatti, hanno causato immani tragedie in passato, colpendo in maniera estremamente dura diverse zone del mondo.

Al di là delle leggende metropolitane riguardo animali che riescono a prevedere i sismi, di fatto non esistono ancora metodi scientifici per poter prevedere i terremoti. A riguardo però, sono in atto diversi tipi di ricerche sfortunatamente sinora senza esito positivo.

La previsione di un sisma può passare dal web

La tanta vituperata rete, ricopre un ruolo fondamentale nelle fasi post terremoto: le comunicazioni istantanee infatti, aiutano notevolmente il soccorso dei feriti. Secondo alcune ricerche portate avanti da web agency che lavorano abitualmente su come indicizzare sito, secondo cui l’impegno del web per quanto riguarda i primi interventi dopo le scosse aumenta notevolmente le speranze di trovare sopravvissuti.

Le comunicazioni sono importanti anche quando si tratta di tsunami e fenomeni simili: una volta captati segnali del genere infatti, internet consente di avvertire in tempo praticamente reale la popolazione consentendo di evacuare per tempo le zone più a rischio.

Una magra consolazione, vista la strumentazione e la tecnologia a disposizione che, di fronte ai capricci della terra, non riescono però a dare pieno apporto per una prevenzione efficace.

Previsioni: possibile qualche passo avanti in futuro?

Nonostante presunti esperti come Michael Janitch, noto in rete anche come Dutchsinse, non siamo ancora in grado di fare previsioni accurate. Le stesse agenzie web che si occupano di verificare indicizzazione sito hanno confrontato numerose teorie strampalate e senza reali fondamenti scientifici.

Al di là di individuare le zone più a rischio (l’Italia ne è malauguratamente ricca) e di costruire le nuove abitazioni con criteri antisismici, a livello di previsione non paiono esserci soluzioni. I movimenti sotto la crosta terrestre risultano difficili da decifrare e, così come i terremoti, possono potenzialmente creare disastri terribili improvvisamente e senza la possibilità di intuire l’avvicinarsi del pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *